Federica Molly
Expert
Federica Molly

3 Giugno 2014


Naviga tra i post

Materassi e detrazioni IRPEF

detrazione-irpef-materassi-153-600x450

Materassi detraibili? Non solo! Se devi ristrutturare casa, cambiare i mobili, rimodernare le tue stanze puoi farlo detraendo il 50% delle tue spese. Questo è quanto afferma una circolare dell’Agenzia delle Entrate del 18 settembre 2013, la quale ha chiarito i termini dell’agevolazione già introdotta dal Decreto legge numero 63 dello scorso 4 giugno. Infatti mentre nella prima le agevolazioni interessavano soprattutto le ristrutturazioni edilizie d’ora in avanti vengono estese anche a mobili, elettrodomestici e complementi d’arredo, tra cui i materassi.
Stando alla circolare si può godere della detrazione IRPEF per mobili ed elettrodomestici acquistati tra il 6 giugno e il 31 dicembre 2014 ma solo relativi ad immobili sottoposti a ristrutturazione. La detrazione verrà ripartita in dieci quote annuali di pari importo, solo per mobili e complementi d’arredo nuovi, per un importo complessivo della detrazione non superiore a 10.000 euro.
Riguardo al tipo di mobili che possono godere dello sgravio, rientrano tra i “mobili” agevolabili, a titolo esemplificativo: letti, materassi e reti armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, Poltrone Relax, comodini, divani, poltrone, credenze, e quindi i materassi e gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione. Non sono agevolabili, gli acquisti di porte, di pavimentazioni (ad esempio, il parquet), di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo.
È possibile scaricare una guida esplicativa per ulteriori informazioni.