Negozi
Contatti
20 aprile 2021

Quando va cambiato il materasso?

Come capire quando è il momento di sostituire il materasso

Quando va cambiato il materasso?

Il materasso è un elemento fondamentale per un buon riposo, forse l’elemento più importante e sicuramente quello più notevole, che spesso comporta l’investimento più dispendioso. Proprio per questo motivo, molte volte, si ritarda il più possibile la sostituzione; ma anche un ottimo materasso, per quanto ben progettato e realizzato, non è per sempre. Dopo un po’ di tempo (che varia a seconda della qualità e del tipo di materiali che lo compongono) il materasso “si consuma”, le sue caratteristiche perdono peso, e il riposo si fa più difficoltoso. Va quindi cambiato.

In effetti, non sempre è facile capire quando occorre cambiare il materasso. Tuttavia, quando il materasso non permette più un riposo ideale, o mostra segni di cedimento (che possono essere più o meno visibili), occorre senza dubbio cambiarlo. Naturalmente, molto dipende anche da una corretta manutenzione e rotazione dei materassi stessi, nonché dalla qualità costruttiva e dai materiali utilizzati.

Quando va cambiato il materasso?

Perché si cambia il materasso?

Generalmente il materasso viene cambiato per motivi di comfort e riposo - quello assicurato non è più ottimale, oppure intervengono piccoli dolori, spesso alla schiena o alle vertebre. In questo caso è già troppo tardi! Il materasso va sostituito prima che questi fastidi compaiano. Spesso aspettiamo di arrivare a un punto in cui fatichiamo ad addormentarci, ci svegliamo indolenziti o affaticati fisicamente, il riposo non è più ottimale, fatichiamo a trovare la posizione ideale. E molte volte portiamo avanti questa situazione per settimane, o mesi, prima di cambiare il materasso. In realtà questo andrebbe sostituito prima, ai primissimi segnali di cedimento, o meglio ancora in un lasso di tempo prestabilito (di solito 7/10 anni); elasticità, compattezza, traspirazione e le altre caratteristiche del materasso non durano per sempre, e man mano che diminuiscono possono insorgere disturbi del sonno.

Un altro motivo per cui il materasso va cambiato è l’igiene. Per quanto un materasso sia di ottima qualità, e per quanto venga effettuata regolarmente la manutenzione e pulizia, a lungo andare anche la pulizia e l’igiene vengono intaccati - dal nostro sudore, dalla leggera desquamazione che abbiam ogni notte, dalla polvere e dalla presenza di batteri, spore e acari, che può aumentare man mano che il materasso si consuma nel tempo.

Ogni quanto occorre cambiarlo

Come anticipato, non è possibile dare una risposta assoluta, valida per tutti i casi. La durata e la resistenza del materasso dipendono infatti da tante diverse variabili, che rendono difficile dare delle regole generiche per la sua sostituzione. Certamente bisogna prendere in considerazione:

  • La qualità generale del prodotto, che dipende dalla qualità costruttiva e dei materiali scelti. Ecco perché Mollyflex sceglie solo i materiali migliori e realizza materassi di altissima qualità
  • La frequenza d’uso: ad esempio possono ad esempio capitare lunghi periodi in cui non dormiamo sul nostro materasso o, se ne abbiamo uno matrimoniale, dormiamo solo da una parte;
  • La corporatura (il peso e l’altezza) e i movimenti di chi dorme, oltre alla posizione che si tiene;
  • La manutenzione che viene dedicata e la rotazione, che va fatta almeno ogni 6 mesi.

Sulla base di questi fattori, un materasso di buona qualità può durare all’incirca 10 anni; sempre che venga fatta un’adeguata manutenzione.

Come capire quando è il momento?

Non provando spesso materassi o letti nuovi, è difficile avere un metro di paragone per capire quando un materasso va cambiato. Non ci si può nemmeno basare sulla comparsa di evidenti irregolarità esteriori, come danni, avvallamenti, strappi, protuberanze: possono infatti verificarsi cedimenti o usure interne, non visibili a occhio nudo.

Il modo migliore per capire se occorre cambiare il materasso è basarsi sulla propria esperienza di riposo. Ci sono infatti molti segnali, derivanti dalla qualità del riposo, che possono indicare se è ora di un cambio. A parte eventuali condizioni patologiche o predisposizioni, occorre infatti fare caso a un eventuale aumento di:

  • Risvegli notturni;
  • Comparsa di dolori articolari, alla schiena, agli arti;
  • Sensazione di riposo spiacevole, stanchezza mattutina, difficoltà ad addormentarsi.

Quando questi fattori si presentano insieme, o più frequentemente rispetto al solito, bisogna iniziare a pensare seriamente di sostituire il materasso con uno nuovo. E soprattutto, bisogna intervenire alla comparsa dei primi segnali, e non aspettare troppo a lungo, altrimenti la qualità del riposo può peggiorare notevolmente, con il rischio anche dell’aumento di disturbi e fastidi fisici.
 

Se vuoi un consiglio su quando cambiare materasso, o su come trovare quello più adatto alle tue esigenze di riposo, contattaci! Saremo lieti di aiutarti a trovare la soluzione migliore per farti riposare al meglio.

Rispondi a qualche domanda

Configura il tuo materasso ideale

Inizia adesso

Se rispondi a poche e semplici domande sulle tue abitudini e sulle tue caratteristiche fisiche, saremo in grado di suggerirti la soluzione migliore per le tue esigenze. Inizia adesso

Iscriviti alla nostra newsletter

10% di sconto subito per te!

Iscriviti e resta sempre aggiornato. Non farti scappare le ultime novità e offerte in anteprima dal mondo Mollyflex

© 2020 MOLLYFLEX Srl Cod. Fisc. e P.IVA 03110070988 - Reg. imprese 03110070988 - R.E.A. BS 505834 - Cap.Soc.Euro 30.000,00 I.V.